PERCHE' USARE UN BAT DETECTOR?

I pipistrelli si affidano ai suoni per trovare il cibo, navigare nell'oscurità e comunicare con i loro simili. Con l'aiuto di un bat detector si può certamente scoprire qualcosa in più sulla loro attività e sul loro comportamento, senza disturbare o mettere in pericolo questi sorprendenti e meravigliosi animali notturni.

INDIVIDUAZIONE DELLA SPECIE

Con un bat detector si può identificare la singola specie di pipistrelli. Molte specie emettono ultrasuoni a frequenze diverse, altre lo fanno a frequenze simili tra loro: in questo caso, il tipo di suono percepito e la frequenza stessa risultano fattori importanti per una identificazione precisa.

COSA SI PUO' SENTIRE?

I suoni che si sentono sono stati convertiti elettronicamente dal rilevatore. Gli ultrasuoni sono impercettibili per l'orecchio umano, ma vengono raccolti dal detector e riemessi in forma di suoni udibili, attraverso le uscite dell'altoparlante o delle cuffie auricolari installate nello strumento.

I SUONI SI POSSONO REGISTRARE?

Con i nostri rilevatori gli ultrasuoni emessi dai pipistrelli si possono registrare direttamente su nastro, DAT (digital audio tape) o minidisc. Per coadiuvare nell'identificazione esistono in commercio dei dischetti CD audio che raccolgono i suoni emessi da ogni specie. Con altri modelli si possono analizzare i suoni tramite un software per PC.

PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DEI BAT DETECTORS

Esistono principalmente tre tipi di rilevatori che lavorano in modo leggermente diverso fra loro:

BAT DECTORS A ETERODINA

  • Sono i rilevatori meno costosi;
  • Ottima scelta per chi inizia;
  • La miglior via per identificare immediatamente i pipistrelli sul campo;

Selezionare l'intervallo di frequenza giusto per ascoltare bene, esattamente come quando si cerca una stazione alla radio.
Come lavorano: un rilevatore eterodina miscela il suono del pipistrello con un segnale ultrasonico creato dal rilevatore, quindi filtra questo suono per produrre la differenza fra i due. Il suono prodotto é udibile dall'orecchio umano.
Registrazione: si può registrare su nastro o minidisc se il detector ha la presa adatta (la gran parte ne é fornita), ma le registrazioni non possono essere usate con il software di analisi del suono.

BAT DETECTORS A DIVISIONE DI FREQUENZA

  • Rilevatori di costo medio;
  • Rilevano tutte le frequenze in modo da non perdere alcun pipistrello;
  • I suoni possono essere registrati ed analizzati e anche ascoltati in tempo reale sul campo.

Ricevono la gamma ultrasonica completa senza l'esigenza di sintonizzare l'apparecchio su una frequenza specifica.
Come lavorano: il rilevatore divide la frequenza captata (solitamente per 10) per poter creare un'uscita udibile. Per esempio 50 kHz (non percepibile) viene ridotto a 5 kHz (udibile).
Registrazione: si può registrare i suoni e analizzare le registrazioni con un software particolare.

BAT DETECTORS A ESPANSIONE TEMPORALE

  • Sono i modelli più costosi;
  • Rilevano tutte le frequenze in modo da non perdere alcun pipistrello;
  • Buona scelta per vaste indagini sul campo.

Consentono di registrare il segnale, digitalizzarlo e successivamente riprodurlo a bassa velocità, in modo da poter ascoltare i particolari del suono.
Come lavorano: consentono di riprodurre in digitale, a bassa velocità, gli ultrasuoni captati (di solito 10, 20 o 32 volte più lentamente).
Registrazione: si possono registrare i segnali captati e usare il software specifico per studiare le registrazioni. Poichè un rilevatore ad espansione temporale registra in digitale a bassa velocità, la registrazione risulta di maggior qualità rispetto a un rilevatore a divisione di frequenza; questo fattore é importante in quanto le analisi del suono risulteranno più dettagliate.

Alcuni rilevatori possono realizzare più di un tipo di conversione del segnale. Per esempio: alcuni funzionano a "divisione di frequenza" con un ricevitore a eterodina in modo da poter essere utilizzati in modalità "divisione di frequenza" per trovare i suoni di proprio interesse all'interno, e poi, di passare in modalità "eterodina" per scoprire la frequenza e identificare i pipistrelli. Molti dei rilevatori più costosi consentono di convertire i segnali in tutti e tre i modi, per la massima flessibilità.

SCEGLIERE UN BAT DETECTOR

Ci sono parecchi fattori da considerare quando si decide di acquistare un bat detector. Di seguito ne elenchiamo alcuni per aiutare nella scelta dello strumento più adatto ad ogni particolare finalità.

COSA VOLETE FARE?

Trovare ed identificare i pipistrelli sul campo: se non avete mai posseduto un rilevatore di pipistrelli, dovreste acquistare un rilevatore a eterodina. Questo tipo di rilevatore é il migliore per identificare i pipistrelli sul campo. Si possono sentire i suoni in tempo reale e distinguere fra le diverse tonalità e modalità ripetitive.
Potete anche ottenere il picco di frequenza che risulterà decisivo per l'identificazione.

I rilevatori a eterodina sono di facile impiego; richiedono soltanto la regolazione del volume e della frequenza. Il controllo della frequenza somiglia alla sintonizzazione di un canale radio.
Registrare i segnali ultrasonici per poterli risentire: potete farlo usando un rilevatore a eterodina con apposita presa per la classica cassetta audio o minidisc.
Analizzare i suoni al computer: si possono fare identificazioni di specie, precise e costanti. Per fare questo, servono le registrazioni compiute con un bat detector a divisione di frequenza o ad espansione temporale, in più il software adatto.

SCEGLIERE IL MICROFONO

Il tipo e la qualità del microfono determina in parte la sensibilità del rilevatore. I microfoni piezo sono i più sensibili alle medie frequenze (45 kHz). I microfoni electret sono i migliori alle frequenze più basse ( 80kHz).

Questo non significa che non si può cogliere le alte frequenze con un microfono piezo, significa semplicemente che la distanza da cui potete rilevarle sarà inferiore rispetto a un microfono a capacità.

INTERVALLO DI FREQUENZA

Tutti i rilevatori sono sintonizzabili all'interno della gamma 20-120 kHz. Questa gamma é adatta a rilevare tutta le specie europee.
I rilevatori Pettersson possono sintonizzarsi sotto i 10 kHz. Ciò li rende i più adatti per distinguere i segnali emessi dai pipistrelli da quelli emessi da grilli e cavallette.

DESIGN

Se i comandi sono posti sul lato piuttosto che sulla parte superiore dello strumento, é più facile operare con una mano sola. Per gli stessi motivi, i rilevatori più piccoli sono più semplici da adoperare, basta una mano sola.
Il peso diviene spesso un problema, specialmente se state trasportando un registratore, una torcia e altre apparecchiature.

DISPLAY

Un display LCD rende più facile la determinazione delle frequenze, ma questa é una caratteristica dei bat detectors di fascia di prezzo alta.
I quadranti della frequenza sugli strumenti a basso costo hanno un piccolo LCD per agevolare la lettura. L'eccezione é il modello Magenta che non ha illuminazione.

ALTOPARLANTE E PRESE DI USCITA

La maggior parte dei rilevatori hanno l'altoparlante incorporato, benchè probabilmente si preferisca utilizzare le cuffie, almeno ogni tanto. Tutti i nostri rilevatori hanno prese per le cuffie e tutti hanno una presa nastro/minidisc.

PICCOLO GLOSSARIO

Ecolocazione: il sistema usato dai pipistrelli per navigare sfruttando i segnali a ultrasuoni. E' simile a un sonar o un radar. I pipistrelli lanciano i segnali e giudicano la loro posizione dagli echi provenienti dagli oggetti su cui rimbalzano.
Ultrasuoni: le onde sonore di frequenza superiore a quella più alta mediamente udibile dall'orecchio umano.
Frequenza: il numero di cicli di un'onda sonora, misurati in kHz. Più alto il numero, più alto é il suono in tonalità.
Larghezza di banda: é la misura di quanti kHz si possono captare, da ciascun lato della frequenza sintonizzata; per esempio: se la larghezza di banda é 8 kHz allora sentirete i segnali 4kHz sopra e 4kHz sotto alla frequenza sintonizzata.
Sonogramma: rappresentazione pittorica di un suono di pipistrello sotto forma di grafico di frequenza sonora in funzione del tempo.
Eterodina: metodo di traduzione di ultrasuoni emessi dai pipistrelli in suono udibile, dove l'operatore seleziona la gamma di frequenza per perfezionare l'ascolto, come durante la sintonizzazione a una stazione radiofonica.
Divisione di frequenza: converte l'intera gamma ultrasonica in suono udibile, senza l'esigenza di sintonizzarsi su una frequenza specifica.
Espansione temporale: registra il suono in digitale, quindi riavvolge il nastro a bassa velocità, in modo da poter udire i particolari del suono normalmente non percepibile.
Interruttore audio: permette di registrare le osservazioni vocali dell'operatore sul dispositivo di registrazione ma anche gli ultrasuoni emessi dai pipistrelli.